Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dilemma europeo

· A Ypres il vertice dei Capi di Stato e di Governo ·

Confronto aperto su flessibilità e nomine

Flessibilità o rigidità? Crescita o rigore? Questo è il problema. Dovranno farci i conti i ventotto capi di Stato e di Governo dell’Unione europea che questo pomeriggio s’incontreranno nella città belga di Ypres. Ancora una volta, all’importante appuntamento il vecchio continente si presenta diviso tra il blocco dei riformisti e quello dei rigoristi. Una spaccatura che sicuramente inciderà anche sull’agenda di lavoro della prossima Commissione. I leader si confronteranno soprattutto su un tema: l’obiettivo di uscire dalla logica di politiche basate solo su rigore e austerità per passare ad azioni in grado di rilanciare la crescita e l’occupazione. In questi giorni il cancelliere tedesco, Angela Merkel, è tornata a ribadire la necessità di utilizzare «tutti i margini di manovra» previsti dalle regole del patto di stabilità, dando quindi un’interpretazione flessibile dei limiti imposti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE