Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dilaga la violenza nello Yemen

· I ribelli sciiti conquistano una base militare a sud della capitale ·

Miliziani huthi di pattuglia nei pressi del palazzo presidenziale a San’a (Reuters)

Ancora violenze nello Yemen. Funzionari hanno reso noto che i ribelli sciiti hanno conquistato oggi un’importante base militare a sud della capitale San’a, dove esperti statunitensi avevano organizzato un campo di addestramento antiterrorista nel 2012 per combattere le forze di Al Qaeda.

Gli huthi recentemente hanno conquistato diversi siti militari incluso il quartier generale delle forze speciali paramilitari yemenite, dopo avere preso il controllo della capitale a settembre. La base militare conquistata oggi era sotto il controllo dei soldati ancora fedeli del deposto presidente della Repubblica, Ali Abdullah Saleh.

Intanto, il primo ministro yemenita, Khaled Bahah, ha confermato le proprie dimissioni, rassegnate all’indomani della presa del palazzo presidenziale da parte delle milizie sciite Ansar Allah, legate al movimento huthi. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE