Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Digiuno per il clima

· I cattolici francesi aderiscono all’iniziativa interreligiosa ·

«Lottare contro il cambiamento climatico per lasciare una terra sana alle future generazioni costituisce una priorità da difendere e un dovere di giustizia per i cristiani, poiché in gioco c’è la vita dell’intero pianeta»: per voce del vescovo di Troyes, Marc Stenger, presidente di Pax Christi France, la Chiesa cattolica in Francia si associa al “digiuno per il clima” proposto da organizzazioni laiche e religiose in vista della Conferenza sul clima (Cop21) che avrà luogo a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre 2015, sotto l’egida delle Nazioni Unite. 

Nel 2015 sono in scadenza gli obiettivi del millennio per lo sviluppo che lasceranno il posto, nel periodo 2015-2023, agli obiettivi di sviluppo sostenibile, comprendenti la dimensione ecologica.

La campagna — riferisce l’agenzia di stampa della Federazione delle chiese evangeliche in Italia — è stata lanciata ieri a Parigi nel corso di una conferenza stampa tenutasi su un battello attraccato sulla Senna, in prossimità del Parlamento francese. Consisterà nell’impegno a digiunare, per solidarietà con le popolazioni colpite dagli effetti del cambiamento climatico, ogni primo giorno del mese fino al dicembre 2015, quando si aprirà la Cop21, dalla quale i promotori dell’iniziativa si aspettano decisioni significative e vincolanti a favore della salvaguardia del creato.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE