Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Diciassette milioni di persone alla fame

· Carestia nel Corno d’Africa ·

Nel Corno d’Africa diciassette milioni di persone rischiano di morire di fame e di stenti. O comunque di sopravvivere in condizioni di acuta malnutrizione a causa della persistente carestia.

Gli allarmi si sono moltiplicati dopo la recente dichiarazione ufficiale del governo di Juba dello stato di carestia (la prima nel mondo da sei anni a questa parte) in due regioni del Sud Sudan. Solo in questo paese africano, ha denunciato il responsabile locale dell’Unicef, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, sono a rischio circa cinque milioni e mezzo di persone, in pratica il 50 per cento della popolazione. Lo stato di carestia — soprattutto in alcune zone dello Stato di Unity, nella parte centro-settentrionale del Sud Sudan — è stato dichiarato in conseguenza della lunga e sanguinosa guerra civile in atto dal 2013 e della crisi economica che ha devastato il più giovane paese al mondo. La carestia, innescata dalle guerre e da una persistente siccità, sta comunque flagellando l’intero Corno d’Africa e come detto colpisce più di diciassette milioni di uomini, donne e bambini tra Gibuti, Eritrea, Etiopia, Somalia, Sudan e i limitrofi Uganda e Kenya, dove i campi profughi sono diventati enormi agglomerati di tende e baracche nei quali proliferano fame, malattie e violenza. Un recente appello delle organizzazioni umanitarie internazionali riguarda proprio queste popolazioni, costrette a fuggire da condizioni di vita insostenibili e che ora sempre più, «a fronte di altre grandi crisi umanitarie globali, rischiano di essere abbandonate, lasciate indietro e dimenticate». Se la siccità è determinata anche da condizioni naturali, precisano gli esperti, la carestia e la conseguente catastrofica perdita di vite umane dipende interamente dal mancato intervento o dai danni prodotti dall’uomo che, per i paesi del Corno d’Africa, significa conflitti permanenti, collasso delle strutture statali e aiuti insufficienti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE