Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Una minoranza fertile

· Intervista al cardinale Joseph Coutts ·

Jimmy Engineer «Pakistan» (1988)

Sono una piccola minoranza in un paese quasi interamente musulmano. Per i cristiani in Pakistan la vita non è sempre facile, soprattutto a causa del progressivo diffondersi dell’integralismo e del radicalismo religiosi. «Ma non siamo una minoranza invisibile o silenziosa» spiega all’Osservatore Romano il cardinale arcivescovo di Karachi Joseph Coutts — che ha ricevuto la porpora nel concistoro dello scorso 28 giugno — ribadendo la necessità di intensificare il «dialogo della ferialità» anche attraverso il riconosciuto impegno della Chiesa nel campo dell’educazione e dell’assistenza sanitaria. «Questo dialogo – sottolinea – avviene primariamente in campo educativo, visto che le principali scuole del paese continuano il lavoro dei primi missionari. In alcune ci sono più studenti musulmani che cristiani, così come nello staff e tra i professori. Abbiamo docenti di entrambe le religioni che insegnano insieme. Questo è un bell’esempio. E lo stesso accade nei nostri ospedali». Il porporato denuncia, tuttavia, la «crescente pressione da parte di gruppi fondamentalisti e partiti politici estremisti», rimarcando che «il problema non viene dai musulmani che incontriamo ogni giorno, ma piuttosto dai gruppi fanatici» che non accettano le regole della convivenza democratica. «Ma noi – ribadisce – non possiamo restare fermi e tacere, dobbiamo allargare l’ambito del nostro lavoro, parlare di dialogo, andare incontro ai nostri fratelli e alle nostre sorelle musulmani». 

di Nicola Gori

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE