Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Di dove sei tu?

· Il nuovo libro di Joseph Ratzinger - Benedetto XVI dedicato ai racconti evangelici dell’infanzia ·

Completato il trittico con il quale il Papa presenta la figura di Gesù

Il nuovo libro di Joseph Ratzinger - Benedetto XVI, L’infanzia di Gesù, è stato presentato in Vaticano martedì 20 novembre. Edito da Rizzoli e dalla Libreria Editrice Vaticana, il libro esce in contemporanea in nove lingue (italiano, tedesco, brasiliano, croato, francese, inglese, polacco, portoghese e spagnolo) e in cinquanta Paesi, per una tiratura globale della prima edizione che supera il milione di copie. Nei prossimi mesi, il libro — l’ultimo della trilogia su Gesù di Nazaret — sarà tradotto in altre  venti lingue per la pubblicazione in settantadue Paesi. Il volume è stato presentato a Benedetto XVI dagli editori ricevuti in udienza.

Introducendo «la terza e ultima tavola del trittico», il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, ha presentato la tecnica quasi cinematografica dell’anticipazione con cui Benedetto XVI apre il suo libro: «nella “sala d’ingresso” fa risuonare una domanda che echeggerà più oltre sotto le volte del pretorio romano di Gerusalemme, quando il governatore Pilato interpellerà l’imputato Gesù: Póthen ei sy; «Di dove sei tu?» (Giovanni, 19, 9). Questa domanda dal sapore meramente anagrafico si riveste per il quarto Vangelo di un ammiccamento trascendente ulteriore. È per questo che l’interrogativo serpeggerà altrove nei Vangeli», trovando la sua risposta proprio in quei 180 versetti che gli evangelisti Matteo e Luca dedicano al racconto dell’infanzia di Gesù e che «ora il Papa perlustra in un itinerario puntuale, ma trasparente e quasi narrativo».

Secondo Ravasi, sono quattro le chiavi proposte da Ratzinger per comprendere i  Vangeli dell’infanzia. «La prima e primaria» è quella dell’interazione tra «storia e fede», a cui segue quella del nesso tra «storia e profezia». La terza chiave offerta dal libro è poi quella del dialogo tra  autore e lettore, mentre l’ultima è il «mezzo linguistico». Uno stile limpido, essenziale, inciso e umile, «com’è tipico anche della persona dell’autore».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE