Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Decine di morti
nel Nord Waziristan

· ​A causa di scontri per il controllo di un territorio al confine con l’Afghanistan ·

Un violento scontro a fuoco fra componenti di due tribù pakistane del Waziristan settentrionale per il controllo di un territorio montuoso vicino al confine con l’Afghanistan si è svolto nelle ultime 48 ore con un bilancio di 47 morti e 25 feriti. Lo ha riferito oggi il quotidiano «Pakistan Today».

Una fonte della sicurezza che non si è identificata ha indicato che da venerdì membri delle tribù Mada Khel e Paipali Kabul Khel si sono affrontate con armi automatiche per cercare di conquistare le terre contese. La battaglia, però, «nel villaggio di Laoaara non si è ancora conclusa», ha riferito la fonte, confermando il pesante bilancio di vittime e il fatto che le due tribù appoggiano differenti gruppi di militanti antigovernativi che agiscono nel Waziristan settentrionale. Inoltre, un rudimentale ordigno è esploso oggi nella Bajaur Agency, territorio tribale nel nord-ovest del Pakistan, causando la morte di sei persone, fra cui un anziano leader filogovernativo. Un responsabile dell’amministrazione territoriale, ha riferito che «Malak Muhammad Jan, stava recandosi in auto verso gli uffici del Governo locale quando la bomba è stata attivata a distanza uccidendolo. Con lui sono morte cinque persone che lo accompagnavano». Non si ferma la violenza neanche in Afghanistan dove tre persone sono morte e altre 18 sono rimaste ferite quando un attentatore suicida si è fatto esplodere ieri pomeriggio a Kabul vicino a un veicolo che trasportava personale della procura della Repubblica. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE