Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Decine di morti nel Ghouta orientale


· Non si fermano i raid governativi nell’area di Damasco ·

È di almeno 75 civili uccisi, tra cui bambini, anche neonati, e donne, il bilancio dei bombardamenti aerei avvenuti oggi nell’area del Ghouta orientale, nei pressi della capitale Damasco. In base a quanto riportano i media locali, è in corso dalla scorsa notte una massiccia offensiva delle forze governative contro i ribelli.

Secondo fonti mediche di Arbin e Hammuriye, due delle località più colpite nella notte, nelle strade e negli ospedali del Ghouta si contano decine di cadaveri. Come detto, la maggior parte delle vittime sono neonati, bambini e donne. Da parte dei media governativi, la Sana, agenzia ufficiale del governo di Assad, riferisce dell’uccisione di almeno quattro civili e il ferimento di altri quattro per il lancio di colpi di mortaio da parte di miliziani ribelli in varie zone attorno alla capitale.

Quella che si sta consumando nel Ghouta orientale è una carneficina che dura ormai da diverse settimane. Oltre cento civili sono stati uccisi dal 25 dicembre scorso a causa dell’intensa campagna aerea, di terra e di artiglieria da parte delle forze governative contro i ribelli che controllano l’area.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 febbraio 2018

NOTIZIE CORRELATE