Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Debbie e la principessa

Stava curando i preparativi per i funerali della figlia Carrie Fisher — la principessa Leila di Star Wars, scomparsa, a 60 anni, martedì 27 — quando è stata colpita da un ictus: mercoledì 28 è morta in questa toccante circostanza una delle leggende di Hollywood, Debbie Reynolds. Aveva 84 anni. «Voglio stare solo con la mia Carrie» sono state le sue ultime parole. L’attrice, dalla bellezza tanto aggraziata da sembrare evanescente — scrive «The New York Times» — aveva sempre interpretato, con maestria, ruoli leggeri. Ma come per una tragica ironia, l’ultima scena della sua vita è stata particolarmente drammatica.

Carrie Fisher e Debbie Reynolds (Reuters)

Debbie Reynolds — la quale aveva avuto Carrie dal cantante Eddie Fisher che poi la lasciò per Elizabeth Taylor — aveva raggiunto il successo come protagonista di Singing in the Rain (1952). Altrettanto eccellente fu la sua interpretazione in un altro musical, The Unsinkable Molly Brown (1964) che le valse una nomination all’Oscar. Ricorda «The Guardian» che Debbie dovette sudare molto per avere la parte in Singing in the Rain: infatti i due registi, Gene Kelly e Stanley Donen, da principio erano incerti sulla buona riuscita della performance di un’attrice comparsa, fino ad allora, in pochi film. E Singing in the Rain, nelle intenzioni dei due registi, avrebbe dovuto essere un capolavoro del genere: fu anche grazie a lei che il film è stato poi celebrato come tale. A suo modo profetica è la scena in cui all’improvviso l’attrice esce di scatto, vestita di rosa, da una grande torta: in quello stesso momento, sottolinea «The Guardian», Reynolds irrompeva anche nel grande cinema per rimanervi, da protagonista, per i lunghi anni a venire. Dagli anni Settanta Reynolds si dedicò pure alla televisione: tra i tanti ruoli, svolti sempre con brio e garbo, spicca quello della madre di Grace Adler (interpretata da Debra Messing) nella sit-comedy «Will & Grace».

Il suo talento di artista lo aveva senza dubbio trasmesso alla figlia, e venne subito scoperto dal regista George Lucas, che le affidò il ruolo di Leila, l’eroina della celeberrima saga di Star Wars. Milioni di fans le sono valse le interpretazioni ne L’impero colpisce ancora e ne Il ritorno dello Jedi. Era quindi ricomparsa nel 2015 nel settimo episodio della saga, Il risveglio della Forza. Ma non si possono certo dimenticare altre sue interpretazioni: basti pensare alla scena finale di Blue Brothers come ex di Belushi. Carrie aveva debuttato a 16 anni, a Broadway, nel musical Irene: tra gli attori c’era anche sua madre.

di Gabriele Nicolò

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2018

NOTIZIE CORRELATE