Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per dare un futuro
alla Nigeria

· Stanziati oltre due miliardi di dollari ·

Di fronte al susseguirsi delle violenze perpetrate dai fondamentalisti islamici di Boko Haram, anche la Banca mondiale ha deciso di intervenire, stanziando circa 2,1 miliardi di dollari per ricostruire il nord-est della Nigeria, devastato dalla piaga dei terroristi. 

Una famiglia fuggita dalle violenze di Boko Haram (Ap)

Lo ha annunciato l’ufficio del presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, al termine, ieri, di un incontro a Washington con i rappresentati della Banca mondiale e dell’Organizzazione mondiale della sanità. I fondi stanziati dalla Banca mondiale serviranno a intensificare gli interventi, anche militari, per fronteggiare l’avanzata, in Nigeria e nei Paesi vicini, degli jihadisti responsabili di una lunga scia di sangue. E poche ore dopo l’annuncio della Banca mondiale, gli estremisti islamici hanno attaccato armi in pugno Buratai, il villaggio d’origine del capo dell’esercito nello Stato settentrionale di Borno, uccidendo due persone e dando fuoco a diverse case. L’attacco è stato seguito da un fallito attentato suicida contro un posto di controllo dell’esercito a Biu, vicino a Buratai.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE