Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

D’annunzio
apprendista sceneggiatore

· A cento anni dall’uscita del film «Cabiria» ·

I giornalisti e i critici di cinema all’uscita del film Cabiria (il nome significa «nata dal fuoco»), il 18 aprile 1914, non conoscevano l’accordo “segreto” tra Gabriele D’Annunzio noto scrittore e poeta, e lo sconosciuto Giovanni Pastrone.

Il tempio del Moloch

Lo racconta Eusebio Ciccotti precisando che questo consisteva nel presentare il film, per motivi di marketing (ma non esclusivamente), sotto la paternità del solo D’Annunzio. Cabiria, primo kolossal della storia del cinema (oltre tre ore di proiezione), storia ambientata a Cartagine nel iii prima dell’era cristiana, in realtà fu pensato, scritto, prodotto, diretto e montato da Giovanni Patrone, regista di consumato mestiere. Direttore artistico della Itala Film di Torino a partire dal 1908, Pastrone realizzerà, nella sua carriera, sino al 1923, circa 900 film. Tra questi La caduta di Troia, Agnese Visconti, Padre, Tigris, sino alle comiche con protagonista Cretinetti (l’attore francese André Deed).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2018

NOTIZIE CORRELATE