Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dall’idea
alla realtà

· A Chambésy gli ortodossi cercano il consenso sul sinodo ·

«È a noi che la divina provvidenza ha assegnato il dovere e il privilegio di dare carne e ossa alla visione dei nostri beati predecessori che più di cinquant’anni fa ebbero l’idea di indire questo concilio.

Dunque noi abbiamo la grande responsabilità di ridurre i tempi, già molto ristretti, per trasformare tale visione in realtà, senza ulteriori ritardi». Nell’allocuzione con la quale, venerdì scorso, il patriarca ecumenico, Bartolomeo, arcivescovo di Costantinopoli, ha aperto a Chambésy (Ginevra) la sinassi dei primati delle Chiese ortodosse, ha invitato i partecipanti a trovare un accordo che porti a fissare ufficialmente la convocazione del grande sinodo (o concilio) panortodosso previsto nel giugno prossimo. Un evento — ha sottolineato — atteso anche dai «cristiani al di fuori delle barriere canoniche della nostra Chiesa. Ogni altro rinvio renderebbe felici solo i nostri nemici».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE