Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dalle elezioni esce un Iraq diviso

· La lista di Iyad Allawi sconfigge di misura quella di Nuri al Maliki ·

La lista dell'ex premier iracheno Iyad Allawi ha vinto le elezioni parlamentari irachene del 7 marzo scorso, conquistando due seggi in più — 91 contro 89 — di quella del premier uscente Nuri al Maliki. Questi però ancora non riconosce la sconfitta, dopo che nei giorni scorsi aveva parlato di brogli. I risultati delle elezioni, che confermano la spaccatura politica nel Paese, sono stati diffusi in una giornata segnata da nuove violenze, con un duplice attentato messo a segno ieri pomeriggio e che, secondo fonti di polizia, ha provocato almeno quaranta morti e 65 feriti a Khalis, una cittadina a nord est di Baghdad.

I dati diffusi dalla Commissione elettorale, oltre alla vittoria di Allawi e alla sconfitta di misura di al Maliki, collocano al terzo posto, con 70 seggi, l’Alleanza nazionale irachena, una coalizione di partiti sciiti, tra cui la corrente che fa riferimento al leader radicale Moqtada Sadr. Al quarto posto, con 43 seggi, è giunta l'Alleanza curda, formata dai due partiti storici della regione semiautonoma del Kurdistan iracheno, guidati rispettivamente dall’attuale presidente Jalal Talabani e dal presidente regionale Massud Barzani. Seguono una serie di partiti minori in rappresentanza delle varie minoranze, compresa quella cristiana a cui la Costituzione assegna una quota di cinque seggi.

In base ad una legge approvata in dicembre, il futuro Parlamento avrà 325 seggi, contro i 275 dell'assemblea uscente. Il primo impegno dei nuovi deputati sarà eleggere il presidente del Parlamento, poi il presidente della Repubblica, che darà l’incarico di formare il Governo al leader del maggiore gruppo parlamentare, quindi ad Allawi. Questi avrà un mese di tempo per formare la compagine. Non sarà un compito facile, anche perché nella sua lista, definita «laica e trasversale», ci sono molti sunniti, e una alleanza con la lista di al Maliki appare improbabile, così come con l’Alleanza nazionale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE