Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dalla Vergine fiorisce l’albero della vita

· La nascita di Cristo nella tradizione bizantina ·

La solennità del Natale nella tradizione bizantina è scandita da una lunga serie di tropari che glossano e cantano il mistero centrale della nostra fede cristiana: l’Incarnazione del Verbo eterno di Dio dallo Spirito santo e dalla santa Vergine Maria. Sono dei tropari appartenenti all’opera innografica dei grandi poeti teologi bizantini, da Romano il Melodo, a Germano di Costantinopoli, a Giovanni Damasceno, a Giuseppe l’Innografo fino all’innografa Cassianì. 

I testi liturgici in primo luogo mettono in risalto come il Dio Creatore del cielo e della terra, è anche il Dio che si incarna, che si fa uomo, si fa piccolo: «Oggi nasce dalla Vergine colui che tiene in sua mano tutta la creazione. È avvolto in povere fasce come un mortale, colui che è per essenza intoccabile. Viene deposto in una mangiatoia, il Dio che in principio ha fissato i cieli. Si nutre di latte dalle mammelle, colui che nel deserto ha fatto piovere manna per il popolo. Invita i magi lo sposo della Chiesa. Prende i loro doni il Figlio della Vergine».
È questo un tropario che servendosi di immagini contrastanti sottolinea il farsi piccolo, la kenosi, del Verbo di Dio fattosi uomo. Molti dei testi liturgici mettono in parallelo la creazione dell’uomo e della donna nel libro della Genesi con l’opera della redenzione adoperata attraverso l’incarnazione e la nascita di Cristo. In modo speciale uno dei testi del vespro, che rapportiamo per intero, canta la salvezza dei padri caduti nel peccato e sciolti dal vincolo antico: «Rallegrati, Gerusalemme, fate festa, voi tutti che amate Sion. Oggi è stato sciolto l’antico vincolo della condanna di Adamo; ci è stato aperto il paradiso; il serpente è stato annientato: ora infatti egli ha visto colei che un tempo aveva ingannata, divenuta Madre del Creatore. O abisso della ricchezza, della sapienza e della scienza di Dio! Colei che aveva procurato la morte ad ogni carne, come strumento del peccato, è divenuta primizia della salvezza per tutto il mondo mediante la Ma dre di Dio, poiché da lei nasce bambino il Dio perfettissimo: con la sua nascita egli sigilla la verginità di lei, con le fasce scioglie le catene dei peccati, e sana con la sua infanzia le penose doglie di Eva. Danzi dunque tutta la creazione ed esulti, perché il Cristo è venuto per richiamarla dall’esilio, e salvare le anime nostre».

di Manuel Nin

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE