Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dalla sofferenza alla pace

· Il cardinale Turkson a Hiroshima nell’anniversario del bombardamento atomico ·

Pregare per le vittime della tragedia nucleare, riaffermare l’inutilità della guerra, invitare a divenire operatori di pace. Con questa triplice motivazione il cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson si trova da lunedì 5 agosto in Giappone, dov’è  in corso la commemorazione del 68° anniversario del bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki che ha provocato decine di migliaia di morti.

Il porporato è stato invitato dalla Conferenza episcopale giapponese, che annualmente promuove l’iniziativa «Dieci giorni per la pace», proprio per mantenere viva la memoria di quei terribili giorni d’inizio agosto del 1945. A Hiroshima, nella cattedrale cittadina, il cardinale Turkson ha celebrato lunedì la «messa per la pace».

Martedì 6, sempre a Hiroshima, il cardinale ha partecipato a un incontro interreligioso, insieme a buddisti, scintoisti e a cristiani di varie confessioni. Nel suo intervento, intitolato «dalla sofferenza alla costruzione della pace», ha ricordato lo storico viaggio di Giovanni Paolo II che nel 1981 visitando Hiroshima disse: «Che la guerra non venga mai più tollerata», poiché i conflitti sono causati dagli uomini, non sono punizioni divine o catastrofi naturali: sono il prodotto dei peccati dell’umanità che ne è responsabile.

In proposito, il porporato ha citato anche il pensiero di Papa Francesco, che ha denunciato come la potenza atomica possa causare la distruzione dell’umanità, sottolineando che nessuno sforzo di “pacificazione” sarà duraturo, né potranno esserci armonia e felicità per una società che ignora, mette ai margini e abbandona nella periferia una parte di sé.

Mercoledì 7 agosto, il cardinale Turkson si trasferisce a Nagasaki, la città vittima del secondo bombardamento atomico, dove resterà fino a venerdì 9.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE