Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dalla schiavitù alla libertà in Cristo

· Il cardinale Amato in rappresentanza del Papa beatifica Nhá Chica ·

La chiamavano la «santina» di Baependi.   Era conosciuta perchè la vedevano sempre in preghiera col rosario. Era una donna anziana, bruna, con un fazzolettone in testa.  Aveva una statura morale e un’intima unione con Dio fuori dal comune. Francisca de Paula De Jesus, per tutti era Nhá Chica, zia Francesca. Sabato mattina, 4 maggio la sua gente di Baependi, in Brasile,  ha fatto festa attorno all’altare sul quale il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha celebrato il rito per la sua beatificazione, in rappresentanza di Papa Francesco.

Ex schiava, figlia naturale di una schiava, «ha vissuto nel mondo, facendo, però, una vita angelica. Era una donna di preghiera — come ha scritto nella lettera di beatificazione Papa Francesco riproposta dal cardinale — assidua, perspicace testimone della misericordia di Cristo verso gli indigenti nel corpo e nello spirito».  Era «una laica che ha seguito Cristo, buon pastore, vivendo con eroismo le grandi virtù cristiane della fede, della speranza e della carità».  Nhá Chica «pregava molto — ha ricordato — era sempre col rosario in mano. Adoratrice instancabile del Santissimo Sacramento e contemplatrice della Passione di Gesù, aveva una profonda devozione alla Madonna, che chiamava Minha Sinhá (mia Signora). La Salve Regina era la sua preghiera preferita». Il cardinale ha poi ricordato che Nhá Chica «faceva molte penitenze. Il venerdì non mangiava e spesso negli altri giorni digiunava a pane e acqua. Era talmente grande la sua carità verso i poveri, che veniva chiamata “madre di poveri”. Usò i suoi beni  per i bisognosi e per abbellire la casa del Signore. Con le elemosine che riceveva dai ricchi e con la cospicua eredità lasciatagli dal fratello, nel 1862 fece dorare l’altare della chiesa di Baependi e nel 1865 fece iniziare la costruzione di una cappella dedicata alla Madonna della Concezione, dove riposano ora le sue spoglie».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE