Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dalla parte dei rifugiati

· ​Nella solennità del Corpus Domini il Papa ricorda la giornata mondiale del rifugiato e prega per il Portogallo colpito dal devastante incendio ·

L’incontro personale con chi fugge da guerre e miseria «dissipa paure e ideologie distorte, e diventa fattore di crescita in umanità, capace di fare spazio a sentimenti di apertura e alla costruzione di ponti». Lo ha detto Papa Francesco all’Angelus di domenica 18 giugno, solennità del Corpo e sangue di Cristo, parlando della giornata mondiale del rifugiato, proclamata dalle Nazioni Unite per martedì 20 e dedicata quest’anno al tema «Con i rifugiati. Oggi più che mai dobbiamo stare dalla parte dei rifugiati».

Un appuntamento, ha spiegato il Pontefice, che sollecita «l’attenzione concreta» a «donne, uomini, bambini in fuga da conflitti, violenze e persecuzioni», e che spinge anche al ricordo di «quanti di loro hanno perso la vita in mare o in estenuanti viaggi via terra». Perché «le loro storie di dolore e di speranza — ha assicurato Francesco — possono diventare opportunità di incontro fraterno e di vera conoscenza reciproca».

Dal Papa anche un pensiero «al caro popolo portoghese», con l’invito alla preghiera per le vittime e i feriti a causa dell’«incendio devastante che sta colpendo i boschi intorno a Pedrógão Grande».

Prima di concludere l’Angelus il Pontefice ha esortato i fedeli a partecipare alla messa del Corpus Domini in programma in serata sul sagrato di San Giovanni in Laterano e seguita dalla processione eucaristica fino a Santa Maria Maggiore. Durante la celebrazione Francesco ha offerto all’assemblea una riflessione sull’Eucaristia come «sacramento della memoria che ci ricorda, in modo reale e tangibile, la storia d’amore di Dio per noi». Mettendo in guardia dalla fretta e dalla superficialità in cui siamo immersi, il Papa ha sottolineato tra l’altro che il Corpus Domini «ci ricorda che nella frammentazione della vita il Signore ci viene incontro con una fragilità amorevole, che è l’Eucaristia. Nel Pane di vita il Signore viene a visitarci facendosi cibo umile che con amore guarisce la nostra memoria, malata di frenesia».

L’Angelus del Papa  

L’omelia per il Corpus Domini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Conferenza Stampa Sulle Prossime Iniziative Della Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger – Benedetto Xvi

26 settembre 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE