Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Dal dialogo
alla comunione spirituale

· Il congresso dei musulmani del movimento dei focolari ·

Il Centro Mariapoli di Tlemcen, in Algeria, ha fatto recentemente da cornice al secondo congresso internazionale dei musulmani del movimento dei focolari. L’incontro, a cui ha preso parte l’arcivescovo emerito di Algeri, Henri Teissier, profondo conoscitore dell’Algeria e dell’islam, ha visto la presenza di un centinaio di persone, fra musulmani e cristiani, provenienti da Giordania, Siria, Libano, Tunisia, Grecia, Francia, Italia, Svizzera, Canada, Burkina Faso, Tunisia e, naturalmente, Algeria.

Quattro i temi affrontati: la sofferenza vista alla luce di Dio; l’ispirazione divina sull’unità in Chiara Lubich; le sfide odierne per i musulmani; la costruzione della fraternità universale. Immersi insieme in questa dimensione dell’unità, nata nel contesto cristiano ma accolta come paradigma della fratellanza universale, i partecipanti hanno rivolto lo sguardo alla realtà musulmana. Interessanti approfondimenti sono stati offerti dai professori musulmani Adnane Mokrani, algerino, e Amer Elhafi, giordano, collegato via Skype. Erano presenti anche alcuni focolarini testimoni della prima ora, iniziatori, cinquant’anni fa in Algeria, di quella profonda condivisione che è diventata realtà.

Maria Voce ha mandato il suo saluto attraverso il co-presidente del movimento, Jesus Moran, il quale non ha mancato di rilevare quanto, dopo un’esperienza come questa, possa crescere la speranza. Si è trattato, infatti, non solo di creare un’atmosfera di armonia, ma addirittura di arrivare a essere “uno”, di vivere la stessa esperienza di Dio, cioè la condivisione di quello che si ha di più profondo. Come ha affermato Jean-Paul Vesco, vescovo di Oran, l’amicizia fondata sulla comunione spirituale è il punto più alto che si può raggiungere nel dialogo fra le religioni. «Insieme» è stato il termine più usato durante il congresso. È parso evidente che l’esperienza maturata in seno al movimento va oltre le forme di dialogo già sperimentate, perché si vive insieme l’ideale dell’unità — secondo il carisma che Dio ha dato a Chiara Lubich — passando attraverso l’accoglienza delle rispettive differenze.

di Rosi Bertolassi

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE