Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Da scontro militare a confronto economico

· L’evoluzione della crisi Ucraina ·

Un uomo osserva una nave militare nel porto di Sebastopoli (Afp)

Kiev, 6. La diplomazia internazionale è impegnata in queste ore nella complicata ricerca di una soluzione alla grave crisi in Ucraina. E questo passa anche attraverso la concessione di aiuti, come quelli promessi a Kiev dalla Commissione europea per un valore di 11 miliardi di euro per i prossimi due anni. Una cifra di poco inferiore a quella offerta dal presidente Putin, in una sorta di scontro economico che vede fronteggiarsi la Russia, da una parte, e l’Europa e gli Stati Uniti dall’altra. Dopo l’incontro avuto ieri a Parigi, il segretario di Stato americano, John Kerry, e il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, si vedranno di nuovo oggi a Roma, alla Farnesina, dove si trovano per partecipare a una conferenza inizialmente dedicata alla Libia. Tra gli obiettivi dichiarati c’è quello di giungere alla formazione di un Governo ucraino di unità nazionale e di procedere verso le elezioni presidenziali con la Costituzione del 2004, sciogliendo le milizie estremiste.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE