Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Da patriarca
a sovrano

· ​Mosè nell’arte occidentale ·

Ephraim Moses Lilien, «Mosè» (1908)

La figura biblica di Mosè occupa un rilievo centrale nell’ambito delle principali religioni monoteiste, sebbene la sua reale storicità resti ancora oggi oggetto di dibattito teologico da parte degli specialisti della disciplina. Il suo nome giunse grande fino ai posteri, dove artisti di tutti i tempi, da Michelangelo, Raffaello, Guido Reni, a Rembrandt e Chagall si ispirarono per le loro opere alla sacra storia del profeta rappresentandolo nelle diverse condizioni della sua missione, dove elementi ebraici si intrecciano iconograficamente a quelli cristiani. Lo scrive Luisa Nieddu da Parigi aggiungendo che una vasta e complessa esposizione, presso il Musée d’Art et d’histoire du Judaisme (Parigi) in corso fino al 21 febbraio 2016 celebra l’imponenza di questa grande figura biblica, guida dell’umanità, attraverso 150 opere, tra dipinti, disegni, incisioni, sculture, manoscritti, oggetti d’arte e documentari, attraverso i quali si ripercorrono le diverse rappresentazioni di Mosè nel mondo occidentale, dall’antichità fino al mondo contemporaneo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE