Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Da Mosca la proposta di un tavolo a tre

· Con Unione europea e Ucraina ·

Un tavolo a tre Ucraina, Russia e Unione europea per affrontare insieme i problemi legati all’eventuale accordo di associazione di Kiev con Bruxelles: è l’obiettivo con cui il presidente ucraino, Viktor Ianukovich, parteciperà domani al vertice europeo di Vilnius, dopo aver deciso di sospendere la firma dell’intesa con l’Ue, sollevando numerose proteste di piazza. Ma è anche il compromesso sostenuto e rilanciato ieri da Putin al vertice italo-russo di Trieste, dove ha respinto le accuse di pressioni arrivate nei giorni scorsi dai vertici dell’Unione europea.

«Chiederei ai miei amici a Bruxelles di astenersi da dichiarazioni drastiche. Perché noi per far piacere a loro dovremmo strangolare interi settore della nostra economia?» si è chiesto il leader del Cremlino, mentre il ministero degli Esteri russo smentiva ogni tipo di pressioni, esprimendo «stupore» e «delusione», e accusando l’Ue di voler scaricare su Mosca la responsabilità del fallito accordo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE