Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cristiani attaccati in Pakistan

· Due morti nella città di Quetta ·

E' di almeno due morti e una decina di feriti il bilancio — purtroppo ancora provvisorio — dell'attacco di un commando armato avvenuto vicino a una chiesa cattolica di Quetta, capoluogo della provincia pakistana del Baluchistan. Lo riferisce l’emittente televisiva locale DawnNews, temendo che le vittime possano essere di più. Alcuni dei feriti sono infatti stati ricoverati in ospedale in gravi condizioni.

Il commissariato di polizia di Quetta ha precisato che i fedeli erano appena usciti dall'edificio per la messa domenicale nel quartiere di Essa Negri, quando uomini armati a bordo di una motocicletta hanno sparato all’impazzata contro di loro per poi darsi alla fuga. Fino ad ora nessuno ha rivendicato la responsabilità di questo attacco. Pochi giorni prima, sempre a Quetta, un altro commando armato aveva sparato numerosi colpi di arma da fuoco contro un gruppo di cristiani che viaggiavano su un risciò a motore, il tipico mezzo di trasporto locale, uccidendone quattro. La polizia lo ha definito «un attacco mirato».

Quetta, nel sud-ovest del Pakistan, lungo il confine con l’Afghanistan, è flagellata da tempo dalla violenza di matrice jihadista. Attualmente, spiegano gli analisti politici, è una zona molto critica del paese, perché diversi gruppi terroristi — tra cui il sedicente stato islamico (Is) — hanno riversato in città la loro attenzione e stabilito le loro basi. Nella regione del Baluchistan le minoranze — cristiani e sciiti — sono ripetutamente oggetto di brutali attacchi, in particolare durante le feste religiose. A Natale dello scorso anno, proprio nella stessa zona, due attentatori suicidi si fecero esplodere tra i fedeli che affollavano la chiesa metodista di Bethel Church, con un bilancio di 14 morti e 56 feriti. L’attacco contro i cristiani venne rivendicato poco dopo dai terroristi dell’Is. Lo stato, islamico ha affiliati sia in Pakistan che in Afghanistan. I cristiani hanno a lungo affrontato discriminazioni e violenze.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2018

NOTIZIE CORRELATE