Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Crisi infinita
in Venezuela

· Centinaia di persone attraversano anche il confine brasiliano alla ricerca di cibo ·

Non solo la Colombia. Centinaia di venezuelani stanno infatti attraversando quotidianamente il confine con il Brasile — nel posto di frontiera di Pacaraima, nello Stato settentrionale di Roraima — alla ricerca di cibo e medicinali. 

Venezuelani in fila per passare la frontiera (Ap)

Lo scrivono media brasiliani, sottolineando che la cittadina frontaliera, di circa 10 mila abitanti, è “invasa” ormai ogni giorno da venezuelani che viaggiano anche per giorni interi pur di fare scorta di beni di prima necessità come riso, farina, olio, zucchero, burro e pasta, che, a causa della grave crisi economica, scarseggiano in Venezuela. «Nel nostro Paese questi prodotti si trovano solo a prezzi altissimi. Abbiamo viaggiato più di undici ore in macchina per fare scorta di cibo, pannolini e medicine», hanno dichiarato diversi venezuelani ai giornalisti presenti sul posto. Alcuni negozi di elettronica o di autoricambi — scrive sempre la stampa brasiliana — hanno cominciato a vendere anche prodotti alimentari per soddisfare la richiesta degli acquirenti venezuelani. Il posto di frontiera di Pacaraima è praticamente aperto e sorvegliato dalla polizia federale brasiliana, che chiede il visto d’ingresso nel Paese solo se i venezuelani intendono allontanarsi dal confine per recarsi in altre città.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE