Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Crimini contro l’umanità nel Sud Sudan

· Un rapporto accusa sia i ribelli che le forze governative ·

Un piccolo profugo sudsudanese con la madre

In Sud Sudan sono stati commessi crimini contro l’umanità da entrambe le parti coinvolte nel conflitto, sia i ribelli, sia le forze governative: lo ha dichiarato ieri la missione delle Nazioni unite (Unmiss) secondo cui i massacri e le atrocità sono stati perpetrati contro civili per motivi etnici. «Riguardo agli attacchi sistematici e generalizzati contro civili, le informazioni suggeriscono una pianificazione e vi sono fondati motivi per ritenere che sono stati commessi crimini contro l’umanità» afferma l’Unmiss in un rapporto.

Nel dossier si fa riferimento a «esecuzioni extragiudiziali, sparizioni, stupri, arresti arbitrari, detenzioni». Le Nazioni Unite denunciano «attacchi contro civili che non partecipano alle ostilità», violenze «destinate a diffondere il terrore fra la popolazione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE