Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Alta tensione tra Mosca e Kiev

· Secondo il Governo ucraino, la Russia avrebbe inviato altri seimila soldati in Crimea ·

Uomini armati a Simferopoli dietro un cartello che rivendica l’appartenenza russa della Crimea (LaPresse/Ap)

Kiev, 1. Peggiora drammaticamente la situazione in Crimea, malgrado i primi accenni di dialogo diplomatico fra Russia e Occidente.

Il Governo di Kiev ha denunciato oggi che Mosca ha inviato in territorio ucraino seimila militari supplementari. Lo ha fatto sapere il ministro della Difesa, Ihor Tenyukhè, avvertendo che le forze armate nazionali sono state poste in stato di massima allerta sulla penisola di Crimea, dove ieri era stata denunciata la presenza di duemila soldati.

Dal canto suo, il premier, Arseny Yatseniuk, aprendo stamane il consiglio dei ministri, ha definito inaccettabile la presenza di blindati russi nel centro delle città dell’Ucraina, sollecitando Mosca a cessare ogni operazione militare.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE