Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cresce
la Chiesa in Pakistan

· ​Ordinati cinque nuovi sacerdoti a Lahore ·

È record di ordinazioni nell’arcidiocesi di Lahore, dove nei giorni scorsi, nella cattedrale del Sacro Cuore si è svolta la cerimonia di ordinazione sacerdotale di cinque diaconi, alla presenza di centinaia tra fedeli e parenti. Secondo monsignor Sebastian Francis Shaw, arcivescovo di Lahore, si tratta della classe di ordinati più numerosa dal 1994. «Finora — ha detto il presule — ne avevamo avuti solo uno o due. Cinque sono davvero un record».

Entro l’anno si svolgeranno 21 ordinazioni sacerdotali, di cui tre a ottobre nell’arcidiocesi di Karachi. Padre Joseph Louis, ex segretario esecutivo di Caritas Lahore, ritiene che l’aumento del terrorismo a partire dagli attentati dell’11 settembre del 2001 negli Stati Uniti, abbia «accresciuto le vocazioni a livello locale. Le persone — ha raccontato ad AsiaNews — si stanno avvicinando alla fede. Ritengono di dover fare qualcosa, dal momento che i governanti non danno speranze. Le persone frequentano di più la Chiesa perché c’è una sete più grande di conforto e conoscenza spirituale».
Durante la cerimonia, monsignor Shaw ha avvertito i nuovi ordinati delle sfide che li attendono. «Per prima cosa, dovete pensare se il sacerdozio sia stata la scelta giusta. Fate attenzione all’ossessione del denaro, perché a essa non vi è rimedio. Non vi affiliate alla singola persona, famiglia, parrocchia, progetto o istituzione. L’unica autorità del sacerdozio è il servizio verso gli altri, il primo criterio è essere umili».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE