Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per creare una nuova realtà

· Numeri e obiettivi della Caritas spagnola ·

Nel 2013 la Caritas spagnola ha ulteriormente incrementato la sua opera a favore dei più bisognosi aiutando 2.513.563 persone in situazione di esclusione sociale in Spagna e altre 2.509.771 nei Paesi del sud del mondo. 

Per fare questo l’insieme delle settanta Caritas diocesane hanno investito 291.346.117 euro. L’azione congiunta è stata resa possibile dalla partecipazione di 78.017 volontari e 4.171 lavoratori dipendenti che prestano la loro attività in 7.194 centri e servizi. Sono questi i numeri della carità in Spagna.

Il rapporto 2013 è stato diffuso lunedì scorso a Madrid durante un incontro al quale hanno partecipato il vescovo di Sigüenza-Guadalajara, Atilano Rodríguez Martínez, responsabile Caritas in seno alla Commissione episcopale di pastorale sociale, il presidente della Caritas spagnola, Rafael Del Río Sendino, e il segretario generale Sebastián Mora.

Mora ha lanciato un invito a tutta la società a «creare insieme una nuova realtà», ricordando l’urgenza di articolare sinergie sociali che consentano di invertire l’attuale cultura dello “scarto” denunciata da Papa Francesco. Un obiettivo che fa parte dell’identità stessa della Caritas, «di farsi presente là dove non c’è nessuno e di imparare dagli ultimi e dai bisognosi, di creare opportunità affinché i più vulnerabili recuperino la loro dignità e tutti siano responsabili di tutti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE