Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per costruire
unità e speranza

· Papa Francesco ai peruviani in vista del viaggio ·

Lavorare tutti insieme per costruire unità e speranza: è la consegna che Papa Francesco ha affidato al popolo del Perú, nella prospettiva del viaggio apostolico previsto dal 18 al 21 gennaio 2018. Un appello che il Pontefice ha lanciato con un videomessaggio, reso noto dal cardinale Juan Luis Cipriani Thorne, arcivescovo di Lima. Nel video, girato a Casa Santa Marta, Francesco ha rivolto il suo messaggio ai peruviani tenendo accanto a sé una statuetta di san Martín de Porres, religioso dell’ordine domenicano che ha vissuto la sua santità proprio a Lima.

Le cupole della cattedrale di Cuzco in un’opera dell’artista peruviano Juan de la Cruz Machicado

Il Papa ha voluto anzitutto confidare il suo «grande desiderio» di recarsi in Perú. «Siete un popolo che ha molte risorse» ha riconosciuto. Ma, ha aggiunto, «la risorsa più bella che può avere un popolo è la risorsa dei santi». In questo il Perú ha grandi prospettive, perché ha «tanti e grandi santi che hanno segnato l'America latina». Si tratta di «santi — ha affermato Francesco — che hanno costruito la Chiesa», portando avanti la loro missione «dalla dispersione all’unità». Del resto, ha insistito il Pontefice, «un santo lavora sempre in questa direzione: da ciò che è disperso all’unità». Ed è proprio «ciò che ha fatto Gesù: un cristiano deve seguire questo cammino».

Con questo videomessaggio, dunque, il Papa ha voluto invitare i peruviani a percorrere un vero e proprio cammino di unità sulla scia delle testimonianze dei tanti santi ben conosciuti dal popolo e radicati nella storia stessa del paese. «Chi lavora per l’unità guarda avanti» ha detto . Ma, ha messo in guardia, si può guardare avanti anche «con scetticismo e amarezza». Un atteggiamento che, però, non è certo da cristiano. Perché «un cristiano guarda avanti con speranza» e «spera di raggiungere quello che il Signore ha promesso». Ed è con questo invito a creare unità e ad avere speranza che Francesco ha dato appuntamento a gennaio a tutti i peruviani. Chiedendo di scandire l’attesa del viaggio di gennaio con la preghiera reciproca.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE