Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Costruire
per rimanere

· ​Un corso professionale in Siria per giovani cristiani ·

«Se Gesù ha fatto il falegname, puoi farlo anche tu». Con queste parole il vescovo di Aleppo dei Greco-Melkiti, monsignor Jean-Clément Jeanbart, convince i suoi giovani fedeli a partecipare al progetto “Build to stay” (costruire per rimanere) un programma di formazione professionale offerto dalla Chiesa in Siria. 

L’iniziativa — cui Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs) ha recentemente contribuito con una donazione di 263 mila euro — mira ad aiutare il maggior numero di cristiani a rimanere in Siria, permettendo loro di ricostruire le proprie case e al tempo stesso di imparare un mestiere. Monsignor Jeanbart non ha mai perso la speranza e parla con determinazione della ricostruzione della Siria, nonostante la guerra che in cinque anni ha provocato migliaia di vittime e milioni di sfollati. Ecco perché ha voluto dar vita al progetto “Build to stay”: per aiutare i cristiani con le opere, oltre che con l’assistenza spirituale, convincendoli a restare nel loro Paese di origine. «Dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere — ha dichiarato il presule ad Acs — per far sì che i fedeli non lascino Aleppo e per far ritornare quanti hanno già abbandonato la città». Secondo stime della Chiesa locale, prima dell’inizio della guerra ad Aleppo vivevano circa centocinquantamila cristiani. Oggi ne restano appena quarantamila. Sono, infatti, in particolare le minoranze religiose a essere le più vulnerabili. La loro presenza e la loro esistenza sono quotidianamente minacciate. Per questo motivo Papa Francesco in numerose occasioni ha richiamato l’attenzione sui bisogni drammatici dei cristiani e delle minoranze religiose in Medio oriente.
Al momento partecipano al programma “Build to stay” circa centocinquanta allievi che saranno presto fabbri, falegnami e muratori. La Chiesa offre anche dei corsi di formazione per le donne che aspirano a diventare sarte, estetiste o infermiere. Le infermiere in particolare sono molto richieste per l’assistenza agli anziani e alle migliaia di feriti p5rovocati dalla guerra.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE