Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

La nostra missione evangelica verso il mondo

Pubblichiamo la trascrizione del biglietto autografo di Paolo VI al cardinale Segretario di Stato e, di seguito, della lettera indirizzata al Decano del collegio cardinalizio.

La lettera qui unita, rivolta al Signor Cardinale Decano del Sacro Collegio, potrà essere letta dal Signor Cardinale nostro Segretario di Stato, e sarà da lui consegnata, per i relativi effetti, al medesimo Signor Cardinale Decano, nel caso di nostra malattia, o di altro grave impedimento, che non ci consenta, secondo le previsioni, per un lungo periodo di tempo, di esercitare con sufficiente efficacia il nostro apostolico ufficio.

Paulus PP. VI

2 maggio 1965.

Riservata

Al Signor Cardinale Decano

del Sacro Collegio

Noi Paolo sesto, per divina Provvidenza Vescovo di Roma e Pontefice della Chiesa universale,

alla presenza della santissima Trinità Padre, Figlio e Spirito Santo, — invocato il nome di Gesù Cristo, nostro Maestro, nostro Signore e nostro Salvatore, a lui dobbiamo tutto l’amore e tutto il servizio a noi possibili e della cui somma potestà pastorale siamo indegnamente, ma autenticamente rivestiti, — fiduciosi nella assistenza benigna di Maria Santissima, di San Giovanni Battista e di San Giuseppe, di San Pietro apostolo, le cui chiavi ci sono state affidate, e di San Paolo apostolo, di cui volemmo assumere ad esempio e a protezione il nome, dei Santi e degli Angeli tutti,

coscienti della nostra responsabilità dinanzi a Dio, e pieno il cuore della riverenza e della carità, che ci uniscono alla santa Chiesa cattolica, né immemori della missione evangelica nostra verso il mondo,

dichiariamo:

— nel caso di infermità, che si presuma inguaribile, o di lunga durata, e che ci impedisca di esercitare sufficientemente le funzioni del nostro ministero apostolico;

— ovvero nel caso che altro grave e prolungato impedimento a ciò sia parimente ostacolo,

di rinunciare al nostro sacro e canonico ufficio, sia come Vescovo di Roma, sia come Capo della medesima santa Chiesa cattolica, nelle mani del Signor Cardinale Decano del sacro Collegio Cardinalizio, lasciando a lui, congiuntamente almeno ai Signori Cardinali preposti ai Dicasteri della Curia Romana, ed al Cardinale nostro Vicario per la città di Roma, (sempre che siano normalmente convocabili; e in caso contrario ai Signori Cardinali Capi degli ordini del Sacro Collegio), la facoltà di accettare e di rendere operanti queste nostre dimissioni, che solo il bene superiore della santa Chiesa ci suggerisce, ed al quale bene noi scongiuriamo con tutto il cuore quanto meglio possibile di provvedere, auspice la nostra apostolica benedizione.

Paulus PP. VI

Dato a Roma, presso San Pietro,

nella domenica del buon Pastore, II

dopo Pasqua, il 2 maggio 1965, II

del nostro Pontificato.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE