Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cosa c’è nel pozzo?

· Un secolo fa nasceva Etty Hillesum ·

Jean-Pierre Nave, presidente dell’Associazione degli amici di Etty Hillesum, racconta la vicenda della scrittrice a cent'anni dalla morte. Nata il 14 gennaio 1914, inghiottita come tanti altri nell’inqualificabile tragedia della Shoah, morirà ad Auschwitz all’età di 29 anni. Si dovrà attendere quarant’anni perché alcuni brani del suo diario e della sua corrispondenza vengano pubblicati in francese con il titolo di Une vie bouleversée (Seuil, 1985). Da allora, il suo pubblico non ha fatto che crescere e attorno a questa giovane donna ebrea olandese si è formato un gruppo di lettori pieno di empatia e di affetto, che la chiama per nome e parla di lei come di un’amica, una sorella, una confidente, una guida. «Non ero io a leggere, ma lei a parlarmi», dice la scrittrice Cécilia Dutter, autrice di una biografia pubblicata con il titolo Une voix dans la nuit.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE