Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Corsi Cervantes
per il Vaticano

· Iniziative dell’Istituto a Roma ·

Corsi di lingua spagnola (regolari o intensivi) ma anche specifici cicli di lezioni dedicate allo spagnolo teologico o giuridico: per la stagione 2014-2015 l'Instituto Cervantes di Roma offrirà corsi ad hoc e tariffe agevolate ai dipendenti della Santa Sede e ai loro familiari, oltre a corsi di lingua catalana, gallega e basca.

Frederick Mackenzie, «Miguel de Cervantes» (XIX secolo)

«L’accordo con il Governatorato — spiega l’amministratore Raúl Alonso Alonso — è stato firmato a giugno». La sede romana dell’istituto — diretta dal 2012 da Sergio Rodríguez López-Ros — si inserisce in una rete mondiale di settanta centri: in Italia il Cervantes è presente anche a Napoli, Palermo e Milano. «La nostra — spiega Alonso — è un’istituzione culturale creata dallo Stato spagnolo nel 1991 per diffondere l’insegnamento della lingua e della cultura dei paesi ispanofoni»; la sede centrale si trova a Madrid e ad Alcalá de Henares, città di nascita dell’ autore di El ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha.

«Dal punto di vita della progammazione culturale — spiega il responsabile del settore, José Cantos Mansilla — penso sia importante ricordare alcuni degli eventi organizzati durante l’anno accademico appena concluso, come le “Conversazioni nel Palazzo di Spagna”, organizzate in collaborazione con l’Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede, nate con lo scopo di offrire una visione articolata dei cambiamenti e i mutamenti della società, dell’economia, della cultura e dei mass media. queste conferenze hanno visto coinvolti personaggi di rilievo spagnoli, italiani e della Curia romana». Il ciclo musicale «Musica e spiritualità», spiega ancora Cantos Mansilla, ha invece «portato la musica colta della nostra tradizione all’interno dei luoghi di culto legati alla presenza spagnola a Roma come la chiesa di San Pietro in Montorio, quella di San Carlo alle Quattro Fontane, o la chiesa di Monserrato».

Va poi ricordata «Latinografias»: un’iniziativa che attraverso una serie di mostre fotografiche ha regalato al pubblico italiano una visione lontana dagli stereotipi della realtà latinoamericana. Proseguirà anche nel prossimo autunno. Sempre in autunno il Cervantes parteciperà a «Short Theatre Festival» e al «Romaeuropa Festival», con la danza contemporanea di Israel Galván. Infine l’istituto, in collaborazione con le ambasciate latinoamericane e l’ambasciata del Portogallo organizzerà la terza edizione romana della Mostra di Cinema Iberoamericano.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE