Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Correndo
sulla “via della pace”

· Con Athletica Vaticana, domenica 22 settembre, per testimoniare fede e solidarietà attraverso lo sport per tutti ·

Domenica 22 settembre, con partenza e arrivo in via della Conciliazione, si correrà la Via Pacis, l’unica gara interreligiosa al mondo, pensata esplicitamente con l’obiettivo di promuovere concretamente, attraverso lo sport, il dialogo e l'integrazione tra persone di culture e religioni diverse. Nel cuore di Roma. Di qui il nome Via Pacis, la “via della pace”. Del resto il percorso è un unicum straordinario: si passerà simbolicamente davanti a tutti i luoghi di culto della città, da San Pietro alla sinagoga e alla moschea, fino alle chiese ortodossa e valdese e ai templi buddista e induista. E a dare il “via” ci saranno, tutti insieme, rappresentanti delle diverse religioni.

Tra i promotori di questa originale corsa podistica c’è il Pontificio Consiglio della cultura attraverso Athletica Vaticana, l’unica associazione sportiva costituita in Vaticano e affidata dalla Segreteria di Stato proprio a quel Dicastero. Con questo impegno Athletica Vaticana rilancia la sua missione di «non correre e basta»: non ci sarebbe bisogno infatti di una rappresentativa ufficiale della Santa Sede semplicemente per praticare uno sport. L’obiettivo è testimoniare con lo sport, per le strade e tra le persone, spiritualità, solidarietà e cultura.

A organizzare la Via Pacis è la Federazione italiana di atletica leggera, con il patrocinio del Comune di Roma e del Comitato olimpico italiano. Il percorso, una mezza maratona, misura 21 chilometri e 97 metri: al via ci saranno grandi campioni e tanti amatori. Ma, proprio per favorire la partecipazione di tutti — anche e soprattutto di coloro che non sono allenati e desiderano comunque vivere una giornata di festa e di testimonianza, oltreché di sostegno ai tanti progetti solidali — è stata organizzata una corsa “non competitiva” di 5 chilometri: la Run for Peace. Famiglie, scuole e oratori parteciperanno in massa, ciascuno con il proprio passo. Insieme ai tanti migranti, in particolare della cooperativa Auxilium, e a persone con disabilità. Tutti insieme sulla “via della pace”, correndo con il cuore nel cuore di Roma. E dopo la corsa, appuntamento per tutti a mezzogiorno, in piazza San Pietro, per l’Angelus guidato da un coach d’eccezione: Papa Francesco. Ci si può ancora iscrivere, fino al 13 settembre, tramite la pagina Facebook (Rome Half Marathon Via Pacis) o il sito internet (www.romahalfmarathon.org). Ulteriori informazioni si possono trovare, naturalmente, anche sulla pagina Facebook di Athletica Vaticana.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE