Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cordoglio dell'episcopato italiano per la morte di monsignor Ablondi

· Nel messaggio al vescovo di Livorno ·

«Nell'apprendere la triste notizia della scomparsa di sua eccellenza monsignor Alberto Ablondi, partecipiamo al cordoglio di quanti lo conobbero e l'amarono.

Unendoci al dolore dei sacerdoti e dei fedeli che lo ebbero come padre nella fede, desideriamo ricordarne la generosa figura di pastore, che ha donato la propria esistenza alla Chiesa, esercitando per lunghi anni con amorevole cura e costante dedizione il ministero episcopale in codesta diocesi livornese».

Con queste parole contenute in un messaggio al vescovo di Livorno, Simone Giusti, il cardinale presidente Angelo Bagnasco e il vescovo Mariano Crociata, segretario generale della Conferenza episcopale italiana esprimono il cordoglio dell'episcopato per la morte del vescovo Ablondi, figura di spicco nel panorama ecumenico internazionale.

«Non solo — si ricorda nel messaggio — è stato vice presidente della Conferenza episcopale italiana, ma si è distinto per la straordinaria passione ecumenica, che lo ha reso protagonista, in Italia e nel mondo, del cammino verso l'unità di tutti i credenti in Cristo.

Grati al Signore per i doni di cui ha colmato il suo servo buono e fedele, nella luce della Risurrezione di Cristo, assicuriamo preghiere di suffragio perché Dio lo accolga nel gaudio eterno dopo aver speso la vita al servizio del Vangelo e dei fratelli».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE