Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Cordoglio del Papa per la morte di Elio Toaff

“Protagonista della storia ebraica e civile italiana degli ultimi decenni, egli seppe conquistare comune stima ed apprezzamento per la sua autorevolezza morale, congiunta a profonda umanità”. Così Papa Francesco ricorda il rabbino Elio Toaff, morto domenica 19 a Roma, in una lettera indirizzata al rabbino capo della comunità di Roma, Riccardo Di Segni. “Ricordo con riconoscenza – scrive il Pontefice – il suo generoso impegno e la sincera disponibilità per la promozione del dialogo e delle relazioni fraterne tra ebrei e cattolici, che hanno visto un momento significativo nel suo memorabile incontro con San Giovanni Paolo II alla Sinagoga di Roma”.

Un uomo di apertura

L’ultimo incontro con un Papa di Elio Toaff fu con Benedetto XVI il 17 gennaio 2010, quando Ratzinger visitò la comunità ebraica di Roma, guidata con saggezza ed equilibrio per mezzo secolo dal rabbino spentosi ieri a quasi cent’anni. 

Il rabbino capo emerito di Roma in un disegno di Giorgio Albertini per «Pagine ebraiche»

Quel giorno, dopo l’omaggio del Pontefice davanti alla lapide che ricorda l’orrenda razzia del 16 ottobre 1943, il rabbino Toaff, uscito dalla sua casa nonostante l’età e il clima freddo, lo accolse con un gesto quasi silenzioso, che si concentrò in uno scambio di sguardi commossi e nello stringersi delle mani, senza bisogno di troppe parole, in mezzo a una piccola folla di rappresentanti della più antica comunità della diaspora, in prevalenza anch’essi anziani e visibilmente emozionati.

Toaff è stato un uomo di fede a cui molto devono ebrei e cattolici per l’inestimabile contributo personale del rabbino capo emerito di Roma alla reciproca conoscenza e a un’amicizia che cresce. Per superare una storia troppo lunga di rivalità e inimicizia, di contrasti e persecuzioni, nella consapevolezza di una vicinanza profonda, pur nelle differenze, e di un futuro comune, in parte già presente e possibile, in parte ancora lontano e misterioso.

Nella lunga e ricca vita di Elio Toaff il tratto più caratteristico è certamente l’apertura. Fin dalle sue origini e grazie all’esempio del padre, Alfredo Sabato Toaff, allievo di Pascoli, grecista e amico di ecclesiastici cattolici. E cattolica era Anna Pierazzi, per un sessantennio domestica in casa Toaff, a cui il padre del futuro rabbino insegnò a leggere e scrivere, preoccupandosi di mandarla a messa tutte le domeniche; dal canto suo la tata, mettendo a letto i bimbi, raccomandava loro di dire lo shemà. È dunque in casa, fin da piccolo, che Toaff visse e imparò lo spirito di apertura che l’avrebbe accompagnato per tutta la vita.

I rapporti tra cattolici ed ebrei nell’Italia del Novecento e a Roma sono stati anche difficili e dolorosi. In questa storia Toaff ha avuto un ruolo di primissimo piano ed è significativo che il suo libro più conosciuto sia in gran parte dedicato appunto ai rapporti tra ebrei e cattolici, dimostrando un’amicizia a cui tanti hanno contribuito, non ultimi i Papi. Non è allora un caso che Giovanni Paolo II nell’ultima aggiunta al suo testamento abbia voluto ricordare «il rabbino di Roma». Riconoscendo implicitamente a Elio Toaff quel cuore aperto e quel pensiero largo che resteranno legati alla sua veneranda memoria. (g.m.v.)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE