Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Coraggio per la pace

· All’udienza generale l’appello del Papa di fronte all’aggravarsi della violenza tra israeliani e palestinesi ·

E nella catechesi il Pontefice riafferma che credere è una cosa ragionevole

È giunto il momento di «adottare decisioni coraggiose in favore della pace» e «porre fine a un conflitto» che ha ripercussioni negative in tutta la regione medio orientale «travagliata da troppi scontri e bisognosa di riconciliazione». È chiara l’esortazione rivolta da Benedetto XVI alle autorità israeliane e palestinesi: inutile continuare a pensare di risolvere le questioni con l’odio e la violenza. Bisogna avere il coraggio di promuovere un dialogo animato da sinceri propositi di giungere a conclusioni definitive, per restituire speranza in un futuro di pace ai popoli di questa travagliata regione del mondo. Nell’ennesimo appello — lanciato questa mattina, mercoledì 21 novembre, al momento di salutare i pellegrini italiani presenti all’udienza generale — il Papa non ha mancato di richiamare la responsabilità che, in tale contesto, deve assumersi  la comunità internazionale e ha perciò incoraggiato «le iniziative e gli sforzi di quanti stanno cercando di ottenere una tregua e di promuovere il negoziato». Ai fedeli il Pontefice ha chiesto di pregare per le vittime e per quanti soffrono in quella terra martoriata.

In precedenza Benedetto XVI aveva proseguito nel dettare alcune riflessioni ai fedeli per accompagnare la celebrazione di questo Anno della fede. Si è soffermato su un concetto che più volte torna nel suo insegnamento magisteriale, cioè la ragionevolezza della fede. «Credere — ha ripetuto — è  ragionevole». Lo è perché «fede e ragione non si oppongono, né si combattono»; al contrario sono le condizioni necessarie a comprendere il senso e il messaggio della rivelazione divina. Il Papa parte da una certezza: l’uomo è al centro della creazione «non per sfruttarla insensatamente, ma per custodirla». Anche per questo è ragionevole credere che se la scienza permette alla fede la comprensione del disegno di Dio sull’universo è altrettanto vero che la fede, da parte sua, permette alla scienza «di realizzarsi sempre per il bene e per la verità dell’uomo, restando fedele a questo stesso disegno». Ecco perché «è decisivo per l’uomo aprirsi alla fede e conoscere Dio e il suo progetto di salvezza in Gesù Cristo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE