Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Coraggio nel presente
e speranza per il futuro

· Conclusa la visita in Ucraina del prefetto della Congregazione per le Chiese orientali ·

Papa Francesco «vi ama e vi incoraggia a continuare a essere popolo che cammina, certo della luce di Cristo che risplende anche nel buio più profondo del cuore dell’uomo e della storia»: ai settantamila ucraini arrivati per il pellegrinaggio annuale dei fedeli greco-cattolici al santuario mariano nazionale di Zarvanytsia, il cardinale Leonardo Sandri ha portato un ulteriore messaggio di vicinanza e di affetto del Pontefice. Al termine della divina liturgia domenicale, la mattina del 16 luglio, il prefetto della Congregazione per le Chiese orientali ha ribadito di avere visitato il Paese per condividere, a nome del Papa «gioie e dolori» di tutto il popolo e «in modo particolare della Chiesa greco-cattolica» ucraina, pregando per il dono della pace e portando la benedizione di Francesco.

Moltissimi i fedeli che per tutta la notte aveva vegliato con preghiere e canti. A loro il porporato ha ricordato la profonda ricchezza racchiusa nel «gesto del pellegrinaggio» che, «oltre a essere una professione di fede nel Signore e un atto di affidamento all’intercessione della madre di Dio, ci rende certi che non siamo soli, perché Cristo rimane fedele». Una sicurezza fondamentale per un popolo segnato «da sofferenze simili a valli scoscese che costringono migliaia di persone a risalire con fatica sulle cime dell’esistenza, per intravedere un orizzonte di speranza e di pace». Per questo ha lasciato una consegna: che ciascuno, iniziando dalla propria famiglia, compia «un gesto di riconciliazione e di pace». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE