Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Convocate nuove manifestazioni a Caracas

· Dopo gli scontri che hanno causato 28 vittime ·

L’opposizione venezuelana ha convocato una nuova protesta di piazza nella capitale Caracas per lunedì prossimo, primo maggio. 

Momenti di tensione tra manifestanti e guardia nazionale a Caracas (Ap)

In questo modo, i partiti antichavisti intendono rendere omaggio alle vittime degli scontri, il cui bilancio ammonta finora a ventotto persone. Julio Borges, il presidente del parlamento, in mano all’opposizione, ha detto che nella marcia si ricorderà anzitutto la morte di Juan Pablo Pernalete, lo studente ventenne morto due giorni fa a Caracas dopo essere stato raggiunto da una granata lacrimogena. «Come migliaia di altri giovani è sceso in piazza per difendere la democrazia e la libertà, e tutti vediamo cosa gli è successo» ha sottolineato Borges.

Sul fronte internazionale, ieri è intervenuto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sottolineando che «il Venezuela si trova in una situazione caotica. Sono triste nel vedere quel che è accaduto». Sulla stessa linea il parlamento europeo che ha denunciato la «repressione brutale delle manifestazioni compiuta dalle forze di sicurezza». I membri del parlamento di Strasburgo hanno quindi chiesto al governo di Nicolás Maduro di aprire un’inchiesta su quanto avvenuto in modo da accertare le responsabilità.

Nel frattempo, la tensione interna al paese sudamericano non accenna a diminuire. Ieri il sindacato nazionale dei giornalisti ha denunciato che negli ultimi 25 giorni sono stati arrestati 14 cronisti o tecnici dei media audiovisivi mentre coprivano le proteste di piazza convocate dall’opposizione contro il governo di Maduro. Il governo di Maduro respinge le accuse, affermando che l’opposizione sta agendo al di fuori della costituzione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE