Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Convergenza su Raqqa

· Militari siriani e combattenti curdi puntano verso la roccaforte dell’Is in Siria ·

Imperversano i combattimenti nell’area di Raqqa, una delle maggiori roccaforti del cosiddetto Stato islamico (Is) in Siria. È in atto una manovra convergente: le forze curde legate alla coalizione internazionale a guida statunitense si stanno dirigendo verso Manbij, località strategica tra Aleppo e Raqqa, mentre le truppe regolari siriane, supportate dai caccia russi, sono ormai a poche decine di chilometri dalla città. 

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani (organizzazione dell’opposizione con sede a Londra), le Forze democratiche siriane, di cui fanno parte le milizie curde, sono arrivate ormai a meno di cinque chilometri dalla città di Manbij, a nord-est di Raqqa. «Abbiamo fatto grandi progressi e stiamo cercando di trasferire i civili prima di iniziare l’assalto sulla città», ha detto Sharfan Darweesh, portavoce del Consiglio militare di Manbij, un gruppo tribale affiliato alle Forze democratiche siriane. Da sud, intanto, avanzano invece le forze regolari siriane aiutate dai raid aerei e dalle forze speciali russe. È una sorta di corsa verso Raqqa, per riuscire ad arrivare prima delle forze sostenute dagli statunitensi. Sabato scorso le truppe di Assad aiutate dai russi sono penetrate nella provincia di Raqqa arrivando a quaranta chilometri dalla città di Taqba, nella valle dell’Eufrate.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE