Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Contro l’uso delle armi

· ​Iniziative della Chiesa presbiteriana degli Stati Uniti ·

  «Continuiamo a batterci per chiedere una legislazione sensibile e garanzie per ridurre significativamente il tasso di violenza dovuto all’uso di pistole e fucili»: è quanto ha dichiarato il pastore Carl Horton, coordinatore del programma “Costruzione di pace” della Chiesa presbiteriana in merito all’uso e al possesso eccessivo di armi da fuoco negli Stati Uniti. 

Ogni anno, infatti, muoiono circa trentamila persone, di cui circa due terzi suicidi e almeno diecimila per omicidio. Nei primi 4 mesi del 2017 sul suolo statunitense si sono contate 138 sparatorie e 6303 vittime in conseguenza di un colpo d’arma da fuoco. Nel tentativo di porre un argine a questa deriva la Chiesa presbiteriana — riferisce il sito riforma.it — ha approntato e reso disponibile un kit di prevenzione contro la violenza delle armi, sul modello di quanto già fatto negli anni passati. «Il nostro prodotto — ha sottolineato il pastore Horton — aggiorna una versione precedente e fornisce nuove e attuali risorse a coloro che cercano di resistere all’epidemia di violenza che scuote il nostro paese».
La copertina del nuovo prontuario ospita una fotografia della Chiesa presbiteriana di Chestnut Hill in Pennsylvania, con 331 croci coperte da magliette con i nomi delle vittime della violenza da armi da fuoco nella sola comunità locale.
Fra i temi trattati dal nuovo vademecum spicca l’appello a non fare di chiese, scuole e luoghi di fede un nuovo campo di battaglia, secondo le determinazioni dell’attuale amministrazione di estendere ovunque la presenza di armi, al fine di aumentare la sicurezza dei presenti nei luoghi pubblici, sul modello di quanto già messo in atto soprattutto da alcuni Stati del sud. Già dal 2014 la Chiesa presbiteriana ha chiesto a gran voce che lo striscione «Nessuna arma nella casa di Dio» venisse apposto sulle pareti delle chiese, per sensibilizzare la popolazione sul tema.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE