Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Piano strategico dell’Onu
contro la fame nel Sahel

Previsti interventi straordinari per tre anni

Le agenzie delle Nazioni Unite e le organizzazioni umanitarie loro partner lanciano un piano strategico di risposta senza precedenti, della durata di tre anni, per portare assistenza vitale alle famiglie vulnerabili del Sahel. L’obiettivo è altresì quello di interrompere le crisi cicliche che da decenni si verificano nella regione. Il piano dell’Onu comprende interventi in nove Paesi: Burkina Faso, Camerun, Ciad, Gambia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria e Senegal. In una nota diffusa ieri dall’Onu si spiega che gli abitanti del Sahel continueranno ad aver bisogno di una consistente assistenza umanitaria nel 2014 e oltre. Sono milioni le persone che vivono nell’insicurezza alimentare e soffrono di malnutrizione, in un contesto segnato da conflitti, disastri naturali ed epidemie. Questi fattori hanno notevolmente indebolito le capacità di resistenza delle comunità e le loro possibilità di migliorare la propria vita quotidiana nel lungo periodo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE