Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Contro la desertificazione nel Sahel

· Primi bilanci a dieci anni dal varo della Grande muraglia verde ·

 A dieci anni dalla nascita, nel Sahel la cosiddetta Grande muraglia verde sta riuscendo a contrastare la desertificazione in alcuni dei territori più a rischio nel cuore dell’Africa e sta portando sviluppo alle popolazioni. A riferirlo sono esperti ambientali e ong. Il progetto, ideato nel 2007 dall’Unione africana (Ua) e lanciato l’anno dopo, prevede di piantare alberi in una zona di 12 milioni di ettari, una striscia lunga 7700 chilometri e larga 15, che corre dal Senegal fino a Gibuti e attraversa 11 paesi. Studi hanno dimostrato che ogni anno il deserto avanza di due chilometri, causando una perdita di circa due milioni di ettari di zone verdi. In 50 anni sono stati cancellati dalla mappa 650.000 chilometri quadrati di terre arabili, l’equivalente della superficie della Francia. L’immensa barriera vegetale è in grado di bloccare venti e sabbia provenienti dal deserto e nel contempo migliorare la qualità dei terreni. Una volta terminata sarà la più grande struttura vivente al mondo, tre volte la dimensione della grande barriera corallina, che dovrebbe riuscire ad assorbire 250 milioni di tonnellate l’anno di anidride carbonica, creare 350.000 posti di lavoro e dare cibo a 20 milioni di persone. Esperti ambientali hanno precisato però che impoverimento e siccità dei suoli non sono causati solo dall’avanzata del deserto; tra le cause, c’è anche il diboscamento e lo sfruttamento eccessivo dei terreni da parte dell’uomo per l’agricoltura, la pastorizia e l’urbanizzazione. A queste attività si aggiungono gli effetti del riscaldamento globale, molto sentiti ai margini del deserto, alle porte dei centri abitati. Drammatiche le conseguenze: calo della produttività agricola e di pastorizia, scomparsa di specie vegetali e animali, carestia e migrazioni forzate. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE