Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Contro
il traffico di esseri umani

· Interventi a New York del segretario per i Rapporti con gli stati ·

«La questione del traffico di esseri umani può essere pienamente affrontata soltanto con la promozione di efficaci strumenti giuridici e una concreta collaborazione a molteplici livelli da parte di tutti i gruppi interessati, usando strategie ramificate che puntino a fermare questi atroci crimini, a punire i criminali e ad assistere le vittime». 

Questo il punto nodale dell’intervento dell’arcivescovo Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati, nel corso dell’evento intitolato «Un appello per la fine del lavoro forzato, la schiavitù moderna e il traffico di esseri umani» tenuto ieri a New York, presso la sede delle Nazioni Unite, a margine dell’assemblea generale. «Papa Francesco — ha spiegato l’arcivescovo — ha detto chiaramente che lavorare per mettere fine al lavoro forzato, alla moderna schiavitù e al traffico delle persone è una delle priorità decisive del suo papato». L’arcivescovo Gallagher ha quindi sottolineato la costanza dell’impegno della Santa Sede nel combattere il traffico di esseri umani e altre forme della schiavitù moderna. «Già nel 1965 la Chiesa cattolica ha fortemente condannato come infamie la schiavitù, la prostituzione, la vendita di donne e bambini, e vergognose condizioni di lavoro nelle quali le persone sono trattate come strumenti di guadagno piuttosto che come esseri umani liberi e responsabili». Questi fenomeni — ha aggiunto — «avvelenano la società umana, corrompono i loro esecutori e rappresentano un supremo disonore per il creatore». In tal senso, la Santa Sede lavora a stretto contatto con tutti i principali attori sociali, sia nel settore pubblico che in quello privato, per prevenire e combattere questi crimini. In particolare — ha ricordato il segretario per i Rapporti con gli Stati— la Santa Sede e la Chiesa cattolica collaborano con il governo britannico a vari livelli e in molte iniziative nello sforzo di sradicare il traffico delle persone.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE