Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Continuano i salvataggi
in mare

· Ma per i migranti a bordo di Open Arms e Ocean Viking nessuna autorizzazione allo sbarco ·

È stato un lungo fine settimana di salvataggi in mare quello appena trascorso, che ha portato 251 persone a essere soccorse dalla nave Ocean Viking in tre diversi operazioni e Open Arms a prestare soccorso ad altre 39 persone in difficoltà oltre alle 121 a bordo della stessa da 11 giorni. In tutto, quindi, sono 411 i migranti che attendono ora, a bordo delle due navi delle ong, il permesso di scendere a terra.

I migranti soccorsi dalla Ocean Viking (Ansa)

Permesso che è stato concesso ieri a nove persone a bordo della Open Arms che si trovavano in condizioni particolarmente critiche. A seguito di una serie di trattative diplomatiche tra Italia e Malta, è stato stabilito che una persona sarebbe stata accolta a Lampedusa mentre otto sarebbero state trasferite in elicottero a La Valletta. La Commissione europea torna a chiedere agli Stati Ue che si trovi «una soluzione per tutti quelli a bordo» di navi delle ong.

La nave di Medici senza frontiere (Msf) e Sos Mediterranée, nella sua prima missione, ha effettuato tre operazioni di salvataggio in soli tre giorni dal suo arrivo in acque internazionali al largo della Libia.

Venerdì la Ocean Viking, subito dopo aver soccorso 85 persone che stavano su «un gommone in situazione di emergenza nelle acque internazionali al largo della costa della Libia», aveva dichiarato che sarebbe rimasta a largo delle coste libiche «per assistere eventuali altre imbarcazioni in difficoltà». Nella mattinata di sabato, la nave battente bandiera norvegese, ha prestato soccorso a un altro natante in difficoltà nella stessa zona marittima, salvando più di 80 persone «da un gommone in difficoltà», avevano fatto sapere le ong su twitter. Sulla nave dunque, alla quale il Viminale ha notificato il divieto d’ingresso nelle acque territoriali italiane, il numero dei migranti era salito oltre le 160 persone. Qualche ora dopo è giunta notizia di un terzo salvataggio: «Nella loro terza missione in tre giorni, gli equipaggi di Msf e Sos Mediterranee hanno messo in salvo 81 persone da un gommone non adatto alla navigazione — ha scritto Msf su twitter — ora sono 251 le persone a bordo della Ocean Viking».

Intanto, proseguono i cosiddetti “sbarchi fantasma” da piccole imbarcazioni: 55 pakistani a bordo di una barca a vela sono giunti in porto a Crotone. Ieri un natante con 16 migranti è stato intercettato e guidato dalla Guardia di finanza fino a Otranto (Puglia).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE