Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Confronto a tutto campo
sulla Siria

· Lavrov e Kerry chiedono il rafforzamento della cessazione delle ostilità e il prosieguo del dialogo a Ginevra ·

Confronto a tutto campo sulla crisi siriana. In un colloquio a Vienna, ieri, il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, ha discusso con il segretario di Stato americano, John Kerry, del documento finale del Gruppo di sostegno internazionale alla Siria (Issg) che dovrebbe essere presentato nelle prossime ore. «Naturalmente abbiamo discusso i contorni del possibile documento finale. 

Russia e Stati Uniti sono i copresidenti di questo gruppo e dovremmo essere in grado di presentare agli altri membri le nostre idee su cosa potremmo dire» ha detto Lavrov ai giornalisti dopo l’incontro con Kerry. L’Issg è stato costituito nel novembre 2015, poco dopo l’inizio dei colloqui di pace a Ginevra. Si tratta di un gruppo di Paesi che cercano di porre fine allo spargimento di sangue in Siria. L’Unione europea, la Lega Araba, la Cina, l’Iran, la Turchia e le Nazioni Unite sono tra i membri del gruppo. Il nodo su cui si sta discutendo di più in queste ore riguarda il futuro politico del Paese. Lavrov e Kerry hanno concordato sull’urgenza del dialogo sulla transizione. Mosca e Washington ritengono infatti che le condizioni di questa transizione siano il rafforzamento della tregua e il prosieguo del dialogo intra-siriano per arrivare quanto prima alla formazione di un’assemblea costituente e dunque alla stesura di una nuova Costituzione. Il problema, a tal proposito, riguarda il futuro ruolo del presidente Assad, cui l’Amministrazione Obama non riconosce nessuna legittimità, mentre dal Cremlino è considerato un alleato fondamentale nella lotta contro il terrorismo. Un’altra condizione chiave è l’intensificazione della lotta ai gruppi terroristici che infestano il territorio siriano: dal cosiddetto Stato islamico (Is) di Al Baghdadi, al fronte Al Nusra, vicino ad Al Qaeda, fino alle decine di piccole entità che si richiamano all’una o all’altra organizzazione ma agiscono in totale autonomia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE