Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Condivisione per evangelizzare

· ​La Chiesa nelle Filippine riflette sull’impegno per i poveri ·

Pasay City, 3. Orgoglio ed egoismo: sono questi i due peccati più comuni che impediscono ai cristiani l’ingresso nel regno dei cieli. 

Mali attuali anche nelle Filippine di oggi, secondo quanto ha osservato il presidente della Conferenza episcopale filippina (Cbcp), l’arcivescovo Socrates B. Villegas, nell’omelia della messa celebrata in occasione dell Conferenza nazionale sulla nuova evangelizzazione, svoltasi nei giorni scorsi a Pasay City. Alla celebrazione hanno preso parte circa seimila fedeli e numerosi sacerdoti.

Il presule ha ricordato ai presenti il gesto fondamentale di donare se stessi: «L’orgoglioso non potrà mai conoscere Dio. Non ci può essere alcun vero incontro tra Dio e un uomo pieno di sé che si vede come un dio», ha sottolineato monsignor Villegas nell’omelia, sottolineando che «solo con l’umiltà» i fedeli possono conoscere intimamente il Signore. All’umiltà è strettamente legata la generosità. Il presidente della Conferenza episcopale filippina ha perciò esortato i numerosi presenti a donare e a condividere le proprie ricchezze. «Puoi portare in paradiso — ha detto rivolgendosi a ogni fedele — solo quello che hai donato sulla terra. Quando rinuncerete a tutto sulla terra, ne raccoglierete ogni frutto in paradiso». Quindi l’esortazione ad imitare Cristo: «Non abbiate paura di fare quello che farebbe Gesù, perché questa è la sola strada per la felicità».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE