Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Concluso
il Consiglio di cardinali

L’esame di quella che viene definita “diaconia della giustizia”, ovvero l’attività della Penitenzieria apostolica, della Segnatura e della Rota romana, ha fatto il suo ingresso nelle discussioni del Consiglio di cardinali che nel pomeriggio di mercoledì 15 febbraio ha concluso la sua diciottesima riunione.

Dopo la dichiarazione di sostegno pieno al Papa e al suo magistero che i consiglieri hanno voluto rilasciare lunedì 13, primo giorno della sessione di incontri (quella di lunedì è stata la seduta numero 100), i porporati hanno proseguito il loro confronto portando ulteriori considerazioni su vari dicasteri, in particolare sulla Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, su quella per le Chiese orientali e sul Pontificio consiglio per il dialogo religioso. Tutti i membri del Consiglio sono stati presenti durante i tre giorni di riunioni, sempre seguite da Papa Francesco tranne lunedì per il tempo necessario ad accogliere i vescovi della Costa Rica in visita ad limina, e la mattina di mercoledì durante l’udienza generale. Lunedì e martedì i cardinali consiglieri hanno concelebrato insieme al Pontefice nella cappella di Santa Marta.

Tra i temi affrontati in questa sessione, c’è stato di nuovo il processo per la selezione dei candidati all’episcopato. Una discussione già avviata in precedenza e che deve ancora giungere a un risultato definitivo da consegnare al Papa.

Come nelle precedenti riunioni, il cardinale Pell ha riferito sul lavoro della Segreteria per l’economia per la piena attuazione della riforma economica, con particolare attenzione all’attività di formazione del personale e alle risorse umane.

Per quanto riguarda la riforma della comunicazione, lunedì sera il prefetto della segreteria, monsignor Viganò, ha dato conto dell’accorpamento della Radio vaticana con il Centro televisivo vaticano, e ha parlato del piano per ristrutturare le frequenze radio, delle nuove linee guida relative al mondo dei social network e della riforma della Libreria editrice vaticana.

La prossima riunione si svolgerà dal 24 al 26 aprile.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE