Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Conclusa la riunione del consiglio di cardinali

Lo statuto teologico delle conferenze episcopali, le risorse umane e il contenimento dei costi della Santa Sede, la protezione dei minori: sono stati questi i principali temi affrontati nella ventitreesima riunione dei cardinali consiglieri con Papa Francesco, svoltasi dal 26 al 28 febbraio. Lo ha riferito il direttore della Sala stampa, Greg Burke, nel corso di un briefing tenuto nella mattina del 28 febbraio.

Alla tre giorni di lavori erano presenti tutti i membri del Consiglio eccetto il cardinale Pell; mentre il cardinale Monsengwo Pasinya è arrivato soltanto lunedì sera a causa della cancellazione del suo volo aereo dovuta al maltempo. Il Pontefice è stato assente mercoledì mattina per l’udienza generale. Le sessioni si sono svolte al mattino dalle 9 alle 12.30 e nel pomeriggio dalle 16.30 alle 19. Diversi i temi affrontati. Inoltre, i cardinali hanno fatto approfondimenti sul Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale e sulle Congregazioni per le Chiese orientali e per l’evangelizzazione dei popoli.

La riflessione sul primo tema è iniziata dal n. 32 dell’Evangelii gaudium: «non si è esplicitato sufficientemente uno statuto delle conferenze episcopali che le concepisca come soggetti di attribuzioni concrete, includendo anche qualche autentica autorità dottrinale. Un’eccessiva centralizzazione, anziché aiutare, complica la vita della Chiesa e la sua dinamica missionaria». Si tratta di rileggere il motuproprio Apostolos suos nello spirito di sana decentralizzazione di cui parla spesso il Papa, ribadendo che è sempre lui a custodire l’unità nella Chiesa. I porporati hanno ascoltato l’arcivescovo Pawłowski sulla Terza sezione della Segreteria di Stato, nata di recente per la selezione e la formazione del personale diplomatico, e da lui presieduta. Il cardinale Marx ha presentato il lavoro del Consiglio per l’economia, che ha allo studio proposte per delineare le competenze di una “cabina di regia” per le risorse umane. Il porporato ha anche riferito sui progressi positivi nelle aree della presentazione dei bilanci, del contenimento dei costi e della riduzione del deficit della Santa Sede. In questo ambito, il Consiglio per l’economia ha deciso di redigere delle linee guida per gli enti della Santa Sede allo scopo di ridurre i costi.

I cardinali hanno anche discusso diverse opzioni per la Congregazione per la dottrina della fede nel processare in tempi brevi i casi di abusi sui minori. Inoltre hanno ascoltato il cardinale prefetto Appiah Turkson sull’andamento del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale e hanno fatto ulteriori riflessioni sulle Congregazioni per le Chiese orientali e per l’evangelizzazione dei popoli.

La prossima riunione del Consiglio avrà luogo dal 23 al 25 aprile.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE