Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Concistoro
nella basilica vaticana

· ​Per la creazione di cinque nuovi cardinali ·

Alla vigilia della solennità dei santi Pietro e Paolo, patroni di Roma e «colonne della Chiesa», il Papa tiene il quarto concistoro del pontificato per la creazione di cinque cardinali. Si tratta del maliano Jean Zerbo, arcivescovo di Bamako, dello spagnolo Juan José Omella Omella, arcivescovo di Barcelona, dello svedese Anders Arborelius, vescovo di Stoccolma, del laotiano Luis Marie-Ling Mangkhanekhoun, vicario apostolico di Paksé, e del salvadoregno Gregorio Rosa Chávez, ausiliare dell’arcidiocesi di San Salvador.

Con i nuovi cardinali, e con altri porporati, arcivescovi e vescovi, il Pontefice concelebrerà domani mattina, 29 giugno, in piazza San Pietro la messa della festa. All’inizio della celebrazione Francesco benedirà 36 palli destinati ad altrettanti arcivescovi metropoliti.

Con i 5 di oggi, salgono a 61 i cardinali creati dal Pontefice: 19 nel primo concistoro del 22 febbraio 2014, poi 20 nel secondo del 14 febbraio 2015 e 17 nel terzo del 19 novembre 2016. Il concistoro odierno è il primo in cui Francesco non crea cardinali ultraottantenni.

I nuovi cardinali svolgono il loro ministero in diocesi dell’Europa, dell’Africa, dell’America latina e dell’Asia. Con questa scelta il Pontefice dà un ulteriore impulso all’internazionalizzazione e al respiro universale del collegio cardinalizio. E oltre l’ottanta per cento dei porporati creati in quattro anni da Bergoglio sono o sono stati arcivescovi e vescovi di sedi residenziali sparse in tutto il mondo.

La diretta del concistoro 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE