Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Concerto per il tricolore italiano

· Prima uscita oltre i confini dello Stato per la banda musicale della Gendarmeria vaticana ·


Prima uscita pubblica, al di fuori dei confini territoriali vaticani,  per la banda musicale del Corpo della Gendarmeria della Città del Vaticano. Sabato scorso, 9 gennaio, la banda ha tenuto un concerto a Pescara in occasione delle manifestazioni celebrative per il secondo centenario del tricolore italiano. La manifestazione è stata organizzata da Universum, associazione internazionale della cultura, per  «sottolineare gli aspetti storico-culturali» rappresentati dell'evento e «per promuovere — come si legge in una nota di presentazione — l'ascolto della buona musica».
La banda è stata accolta in Piazza Italia, cuore istituzionale della città di Pescara. L'esibizione concertistica ha avuto luogo nel Teatro Massimo, dove avevano preso posto le massime autorità civili e militari.
Nel saluto di benvenuto il presidente dell'associazione ha ringraziato esplicitamente il cardinale Giovanni Lajolo, presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, e il dirigente dei Servizi di Sicurezza e Protezione Civile del Vaticano Domenico Giani, per aver concesso l'autorizzazione  alla banda — diretta dal maestro Giuseppe Cimini — di partecipare alla manifestazione.
Sono stati eseguiti brani diversi: da Cuore abruzzese di Orsomando, in segno di omaggio alla città ospitante, a musiche più impegnative come la Norma di Bellini, il Nabucco di Verdi, la Marcia di Radesky di Strauss.  Il concerto si è concluso con l'esecuzione degli inni pontificio e italiano.
Per ricordare l'avvenimento il presidente dell'associazione, Oscar Ruberto, ha donato al comandante della banda Giuseppe D'Amico e al maestro Cimini una targa  raffigurante uno scorcio della città di Pescara, mentre a tutti i sessantacinque componenti del complesso musicale è stata offerta un'artistica copia  del  programma eseguito sul cui frontespizio compare la riproduzione fotografica della prima uscita ufficiale della banda della Gendarmeria Vaticana, nella basilica papale  di San Paolo  fuori le Mura, in occasione dell'indizione dell'Anno paolino.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE